Ci siamo

54E anche quest’anno arriva il fatidico 9 febbraio. Atteso da ragazzo e giovane uomo con aspettativa positiva, da quasi quarantenne con angoscia, da quasi cinquantenne con gioia. E quest’anno una novità. Un blog. Perché lo scorso anno questo blog non esisteva ancora. In quasi un anno ho infilato dentro 72 post, compreso questo. E ho scoperto una vena che ignoravo di avere. C’è una persona che devo ringraziare per tutto questo. Una persona che erano anni che mi diceva di aprire il blog. Questa persona è Iaia. E ricordando le sue pubblicazioni che giocano coi numeri, questo lo programmo per la pubblicazione alle 5:40. Dopo aver aperto il blog, per quasi un anno mi ha blastato (quanto mi piace il linguaggio ccccciovane) dicendomi che dovevo scrivere, che dovevo scrivere, che dovevo scrivere. E ancora mi fa un po’ vergogna declinare scrivere alla prima persona singolare. Perché non so. Non mi pare possibile. Mi pare una cosa talmente fuori della grazia di Dio. Ma è così. Faccio molta fatica, a volte. Ma è nel complesso una cosa che mi piace molto, che mi mette in contatto con una parte molto profonda di me. Ed è un contatto bello.

E’ proprio vero che l’enganglement esiste. E ovviamente l’intensità varia. Dipende dalle circostanze, dalle distrazioni che ciascuno ha. Ma è indubbio che con Iaia un legame c’è. E forte. Una sola cosa mi spiace in questo periodo, di non poter essere più vicini. Avevo scritto “ma vedremo di rimediare”. E mi pareva una cazzata, così l’ho cancellato. Non si può rimediare ad una distanza fisica di 1000 e più km. Non quando si hanno delle vite intense. Ma si può essere in contatto con lo strumento che ha sempre contraddistinto il nostro contatto. La rete.

L’anno appena trascorso è stato un anno di passaggio, sembrerebbe. Vedremo per dove. Di cose ne sono successe tante, molte piacevoli, alcune meno. Sono cambiato in molte cose, sono dimagrito, ho iniziato a scrivere, come dicevo sopra, ho iniziato a correre. Spero di riuscire a continuare, spero domattina (sto scrivendo la sera dell’8) di farmi un bel regalo e ricominciare. Mai avrei immaginato di desiderare un’attività sportiva con tanta intensità. Io che sono pigro come un tapiro sonnolento. Nell’ultimo racconto c’è una piccola descrizione delle sensazioni che provo quando corro. E faccio francamente fatica a spiegare. Molti con cui parlo mi dicono “eh lo capisco ti scarichi”. No. Non è questo. O meglio, non è solo questo. Il punto è che le sensazioni che si provano sono simili, molto simili a quelle descritte parlando della motocicletta e della guida in pista. Quella sensazione di tempo rallentato, di concentrazione estrema, di esserci senza esserci, presenza e assenza nello stesso momento. Un caro amico mi dice spesso che viene un momento in cui, durante la nostra personale ricerca alla scoperta della conoscenza di noi stessi, i libri vanno buttati via e si deve lasciare spazio al sé. Ecco, questo io sento correndo. Dopo un po’, e con livelli di intensità non costanti. Ma questa è la sensazione. Che il mio sé si ingrandisca, e che io gli lasci spazio. E non voglio fare sparate alla “sono in contatto con l’universo” ma veramente sento un livello coscienziale superiore che si avvicina. Speriamo bene. Speriamo di poter continuare.

E allora tanti auguri a me. Per un anno sereno. Perché la serenità è tutto. E poi 5+4 fa 9. Che è 3×3, oltre a tante altre cose.

Annunci

51 pensieri su “Ci siamo

  1. mariaver

    Ciao Max…e’ bello leggerti …ed e’ come se ti sentissi scrivere questo post. Quando ti espandi , correndo, entri in una profonda meditazione , in cui sei senza essere, e dunque diventi , veramente, ciò che Sei…bravissimo continua così… e tutt…o intorno e dentro te…. si espanderà …tutto diventera’ un dono per te! Oggi tanti tanti auguri …sappi pero’ che il d
    ono sei tu…e ringrazio per questo dono! Passa una bella giornata.

    Mi piace

    Rispondi
  2. tittisissa

    È strano come in un anno, che se vogliamo è un lasso di tempo piuttosto breve, possano cambiare tante cose, come si possa cambiare noi stessi.
    Quando arriva poi la ricorrenza del compleanno, si tende sempre a fare il punto. Un sunto rapido di ciò che si è stati e di ciò che si è.
    Il tuo anno, celebrato oggi, è stato importante. Per questo merita una grande festa! Ti auguro tutto il bene possibile ed anche l’impossibile.
    Buon compleanno Max! Felicissima giornata insieme a tutte le persone a cui vuoi più bene e tanta, davvero tanta serenità!

    Mi piace

    Rispondi
  3. marcella rossato

    Tanti auguri Max, con cuore sincero. Sono felice che la tua vena di scrittore ( ricordi, te lo dissi anch’io…) abbia cominciato a fluire… Ti leggero’ con piacere, in questa biblioteca virtuale. Buona vita! Un caro abbraccio 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  4. Bonkgirl

    Buon compleanno allora! Sono felice di poterti fare gli auguri con tutto il cuore. Ti auguro il meglio, continua a scrivere e non smettere di farci viaggiare con i tuoi bei racconti!

    Io nuotavo. Mi ricordo che facevo circa tre km al giorno. Altri tempi :D. Quello che ricordo perfettamente è il silenzio che c’era sott’acqua, un silenzio che mi permetteva di ascoltarmi mentre tenevo il conto delle vasche, mentre mi incoraggiavo a non smettere. Erano le uniche 2 buone ore di quelle giornate nere.

    Mi piace

    Rispondi
  5. Claudiappì

    E quindi niente, ringrazio anch’io tantissimo Iaia che ti ha…aspetta, che ti ha fatto? Vado a rileggere. Ah, ti ha blastato.
    Oh, mi sa che è un linguaggio troppo giovane anche per me 😀
    Ancora auguri, Max. E ancora e ancora.

    Mi piace

    Rispondi
  6. Marty

    ma che bel post! mi fa pensare che c’è speranza anche per me, tapira pigra. troverò qualche cosa, qualche attvità fisica che mi metta in contatto con il mio “sè” 🙂 buon 9 febbraio allora! Auguri!

    Mi piace

    Rispondi
  7. Biancaneve Suicida #OVERDRIVE#

    C’è l’hai fatta, quindi, ti sei fatto un regalo, un regalo importante: hai scritto, hai corso, hai radunato attorno gli amici. In un periodo intenso e gravoso hai costruito, nonostante gli ostacoli non ti si fermato. È questa una tua grande forza. Ti ox0. Il resto altrove.

    Mi piace

    Rispondi
  8. comearia

    Sei andato a correre, te lo sei regalato. Non è da tutti regalarsi qualcosa. Ci vuole coraggio. Ci vuole determinazione, soprattutto se si tratta di alzare il culo dopo un mese -se ho capito bene- che si sta [s]comodamente seduti.
    Gli auguri te li faccio anche qui. Spero sia una giornata di quelle che la sera ti togli l’armatura e pensi “Pensavo si sarebbe ammaccata di più, non male”.

    Ah, sai quanto io abbia adorato la digressione numerica. 🙂

    Mi piace

    Rispondi
  9. L'informatica per sbaglio

    Caro whishaka,
    è la pippa al sugo che ti scrive. Per farti gli auguri di buonissimo compleanno dopo aver rinunciato ad ogni forma di regalino sorpresa. Come la corsa, anche il mio pensiero te lo devi regalare da solo, direttamente dal mio pc. Ebbene si, nemmeno il file criptato sono riuscita a mandarti. Auguri mio caro Allinone. In fondo è proprio vero che la vita è tutto quello che accade mentre cerchi più o meno disperatamente di tornare nella tua Casa…

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Grazie, cara la mia informatica per caso, sempre prodiga di consigli preziosi per mantenere la barca lungo la rotta, soprattutto quando infuria la tempesta e devo abbandonare il timone per mettere due o tre mani di terzaroli. Grazie per la disponibilità, per la vicinanza, e per il cuore. E anche per gli auguri. La sorpresa vera è stata trovarti. Le altre sarebbero poca cosa al confronto. 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  10. 黒子 くろこ kuroko

    Auguri (sto limitandomi ma il “ragazzo” mi uscirebbe spontaneo)
    tanti, assurdi auguri (non potevano che essere assurdi da parte mia)
    non so classificare in anni però l’esperienza la sento. l’unica cosa che differenzia. per cui non saprei darti un’età (gli ultimi post sono. ringiovaniti.) ma il lavoro per accumulare e sviluppare questa esperienza. che va usata mica lasciata lì a marcire.
    e tu scrivi corri leggi fino a quando non butterai via i libri. non sprechi. l’esperienza e il tempo.
    e 5 più 4 fa 9 quindi posso stare tranquilla.
    ancora auguri, incomprensibili.
    e abbraccio (che non lo comprendo ma riesco a scriverlo senza intripparmi il cervello.)

    Mi piace

    Rispondi
  11. angyerry

    Una delle cose, per le quali sento di dire grazie a iaia, è di aver permesso alle nostre strade di incontrarci, una volta, due e tre… Ma spero questo accadrà altre volte, molte volte !!! Auguri mio caro amico, ti stringo in un abbraccio caldo e morbido ^.^ :*

    Mi piace

    Rispondi
  12. musicalina

    Non mi collego mai durante il week end , è un evento eccezionale, infatti mi perdo la maggior parte dei compleanni che cadono tra il sabato e la domenica …per il tuo, mi sono messa un promemoria, si! un promemoria sul cellulare, perchè volevo assolutamente farteli e cosí eccomi.
    Tanti, sinceri ed affettuosi auguri!!! ♥
    ( cerca di passare una bellissima giornata perchè i compleanni servono a questo a trascorrere un giorno interamente dedicato a se stessi).

    Mi piace

    Rispondi
  13. masticone

    Visto che ci tieni cosi tanto ti faccio (con il cuore) i migliori auguri…per il compleanno del tuo blog.
    Io faccio parte invece di coloro che detestano questo tipo di celebrazioni.
    Dover dire a tutti “Oggi è la mia festa” devo confessarti mi intristisce un po°. Perchè si obbliga gli altri a dover dire necessariamente qualcosa pena mostrare il vero volto. L’ipocrisia che regna sovrana.
    Pensa che il mio ha festeggiato il suo primo anno circa dieci giorni fa.
    Ero indeciso se scriverci qualcosa. Che nel caso sarebbe stato simile a quello che hai scritto te.
    Poi mi sono detto: voglio vedere quanti di coloro che ci passano sara stato cosi attento alla mia esperienza da ricordarmelo. Visto che tanti dicono di amarmi voglio vedere se e come si interessano della cosa.
    Beh, inutile che ti dica che le mie meditazioni sulla natura dell’essere umano sono state confermate dal totale menefreghismo.
    In fondo pure giusto,
    La gente prende ciò che gli necessita e dà in cambio ciò che può..

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Caro amico mio, il problema è quanta leggerezza riusciamo a mettere nelle cose. Ci sono dei momenti in cui non è possibile essere leggeri. Non è proprio possibile, per quanto ci si sforzi, non ci si riesce. Poi magari qualcosa fa clic. Io ti auguro che qualcosa faccia clic presto. E ti ringrazio tanto del pensiero. Tanto. 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  14. elinepal

    nove febbraio del cinquantanove, per uno che gioca con i numeri hai scelto un giorno mica male per nascere. in certe regioni d’Italia si usa ancora fare gli auguri anche alla madre, pensa. che quel giorno lì c’era e se lo ricorda meglio di chiunque altro. un piccolo Mago appena nato mi fa sorridere. solo perchè sei talmente oltre che pensarti bambino mi sembra impossibile. un caldo abbraccio e un augurio di arrivare dove desideri andare.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Eh sì. Un 9, un 7, un altro 9. E il 7 fatto di 5+2. Sì sì. Niente male.
      Ecco, gli auguri alla madre, anche no. No per carità, va bene come tradizione, ma la #pg (perfida genitrice) hm. No thanks.
      E tu non hai mai visto il fanciullo che è in me. Fin troppo, fa capolino… 🙂

      Mi piace

      Rispondi
  15. maria cavallaro

    ciao caro amico, auguri al tuo blog e complimenti per la bella scrittura. Il blog è un meraviglioso compagno di viaggio al quale puoi raccontare i suoi sentimenti per scoprire che non sei il solo ad averli e questo ti cambia, ti fa sentire compreso e condiviso.Tu corri , io amo pasticciare in cucina e quando faccio qualcosa di nuovo è come se corressi, in una sfida con me stessa che mi estranea dalle problematiche del quotidiano e mi spinge ad esplorare un campo nuovo con grande curiosità. Ciao, la vita è bella!, Maria.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Ti ringrazio per le belle parole, davvero. E mi piace portarmi bene gli anni. Anche se, come diceva uno che conosco, preferirei avere dieci anni di meno e portarmeli male, che avere l’età che ho ben portata. 🙂

      Mi piace

      Rispondi
        1. Wish aka Max Autore articolo

          Eh ma qui non è un problema di bicchiere. Il problema è che gli anni sono passati. E non tornano 🙂 Ma va bene uguale, eh. Solo che ogni tanto uno ci pensa e dice beh, non mi dispiacerebbe. 😀

          Mi piace

          Rispondi

Metti una goccia nel serbatoio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...