Nustamobbene

La primavera si sta stabilizzando, e l’ondata, o meglio lo tsunami che mi ha travolto sta ritirandosi. Come tutti gli tsunami lascia dietro di sé una scia di macerie e devastazioni, ma ci sono già molte squadre di carpentieri intente a ricostruire i villaggi devastati nei pressi della spiaggia. Forse ce la faccio, a uscirne senza aiutini. Intanto mi è tornata la voglia di scrivere, che non è poco.

E ricomincio con un post su un’espressione che uso ed abuso. Ma stavolta non l’ho detto io, bensì l’editor che è venuto a trovarci a scuola. Sì, la scuola Omero, quella di cui ho parlato in questo post. Il secondo livello, che sto frequentando ora, è suddiviso in due parti, e alla fine di ciascuna è previsto l’intervento di un editor al quale ciascuno degli allievi legge un proprio lavoro, per ottenere un giudizio di merito da qualcuno “pratico” di scrittura ed editoria, uno “del mestiere”.

Ebbene l’editor era Andrea Carraro, che insomma non è proprio uno che lavora in una casa editrice… è uno che di libri ne ha scritti tanti, uno tra tutti “Il Branco”,  il famoso libro che tratta di uno stupro narrato usando il punto di vista degli stupratori. Uno scrittore vero, insomma. Bravo, e tosto. E anche simpatico, ho scoperto. Le sessioni con lui mi hanno insegnato che ci sono tanti tipi di lettori. E che non è evidente che chi scrive sia in grado di immaginarli e rappresentarli tutti. E anche che se si legge qualcosa di qualcuno che non si conosce non è evidente che si riesca a capire cosa aveva in mente l’autore (che se ci si pensa è esattamente la norma, perché io mica lo conoscevo, Stephen King, quando ho preso in mano “L’incendiaria”, non sapevo, e non so tutt’ora, come sia di persona, ma soprattutto non avevo idea di come scrivesse, di che tipo di cose parlasse, e come ne parlasse).

Lo scopo dell’autore è sempre lo stesso: prendere per mano il lettore e portarlo nel suo mondo. Incantarlo. Trascinarlo per le vie tortuose immaginate. Ecco, l’altra sera ho scoperto che non è affatto scontato immaginare cosa pensa chi leggerà. E di questo ringrazio tantissimo Andrea.

Ma il titolo del post viene da altro, perché Andrea è una persona simpatica e di spirito, e quindi alla fine delle letture, e dei giudizi sui lavori, abbiamo fatto un po’ di domande, e un po’ di chiacchiere, e nell’ambito delle chiacchiere è uscito fuori il tormentone del “nustamobbene”, che io amo tanto, in quanto fan di Johnny Palomba. E lì Andrea mi ha spiazzato, dicendo: “D’altra parte, se hai tutta questa interiorità che chiede di uscire, e se tu hai l’esigenza spasmodica di riportarla su carta, per sentirti meglio, PEFFORZA CHE NUSTAIBBENE!!!!”. La risata è stata corale, ed è stato un momento davvero divertente.

Insomma, bisogna che ce ne facciamo una ragione. Se scriviamo, non importa se su un diario, su un blog, o su un pezzo di carta dove si incarta la pizza, se scriviamo un po’ picchiatelli alla fine siamo per forza.

qualcuno-volo-sul-nido-del-cuculo

48 pensieri su “Nustamobbene

  1. flampur

    ..ma pensa che mi stavo proprio chiedendo, scorgendoti quasi in fondo al blogroll, ma Max?!? S’è sbracato sugli allori e si gode ‘na mesata di giusto successo? .. e perfortuna eccoti qui.. in effetti, che volevi guarì?!? Uno deve scrive se no vordì che stabbene.. e sta cosa nonvabbene!!… ;))

    Mi piace

    Rispondi
  2. Erre

    Caro Max, sono d’accordo, se scriviamo nustamobbene, perché, cazzo, questo a volte è un mondo di merda, e gente sensibile come te (e credo come me), per “stare bene”, deve trovare uno sfogo, qualcosa che faccia allentare la presa, un modo per sognare e per fantasticare una realtà diversa, meno complicata. Perché nustamobbene proprio perché forse siamo “sani”, non siamo spietati, che se avessimo più pelo sullo stomaco staremmo “bene”, okay, ma non coglieremmo certi dettagli della vita che fanno la differenza, certi colori, certi suoni, quei fantastici particolari che chi sta “bene” non coglie, e allora sai che ti dico?, sono felice che nustamobbene, e che c’è un’osteria per gente che nunstabbene dove “se magna se beve e se ride da paura”, e a me bastano quelle cose…

    Ti voglio bene ( ma sempre an parmo, eh!😛 )

    Mi piace

    Rispondi
        1. Wish aka Max Autore articolo

          Ah, se era questo allora non sono d’accordo. Non è (a mio modestissimo avviso) necessaria la forza dirompente, per far esondare il fiume delle emozioni. Ho letto pezzi che non avevano alcuna forza esplosiva, ma che mi hanno toccato corde profondissime. Quella non è forza dirompente, non saprei neanche come definirla, ma ci siamo capiti, credo🙂 E non è vero che tu scrivi e basta.

          Mi piace

          Rispondi
  3. Topper

    Siamo sicuri che lo scopo dell’autore sia sempre lo stesso? Anche mettendo da parte tutti i blogger o scrittori da agenda e poco altro, me compreso, che non pubblicano libri, io voglio credere che ci sia qualche autore che scriva “infischiandosene” o quasi del lettore. Ma – mi chiedo – è possibile?

    PS: Non so nulla dello tsunami che ti ha travolto ma non avresti usato questa parole né saresti stato così lontano dal blog se non fosse stata una cosa importante. Spero si sia risolto tutto.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Secondo me è impossibile. Prima di entrare in contatto col mondo dell’editoria, ignoravo l’esistenza di una figura chiave, l’editor. Tutti gli autori pubblicati, con eccezioni talmente irrilevanti numericamente da giustificare la regola, sono affiancati da editor durante il processo di pubblicazione. E lo scopo è esattamente quello di rendere l’opera “edibile” per il maggior numero possibile di lettori. Specialmente in un mercato asfittico come quello italiano. Per il PS ti ringrazio, si tratta dell’effetto della primavera, o meglio del cambio di stagione. Tre-quattro settimane d’inferno, nelle quali la mia povera psiche viene rivoltata come un pedalino, più e più volte… Ma poi passa…😉

      Mi piace

      Rispondi
  4. josephine

    Tu scrivi..noi leggiamo: picchiatelli tutti…ed allora TSO collettivo!! Che dici ce lo fanno un “trattamento” di riguardo?!?!?! Bentornato, Max, tu e la tua penna!!!😉

    Mi piace

    Rispondi
  5. elinepal

    Ti pensavo infatti. Perché è un po’ che non ci sentiamo. Neanche io sto scrivendo, e ho detto tutto. A volte leggo i blog, ma alcune cose mi disturbano a tal punto che anche queste letture si sono rarefatte. In compenso ho ripreso in mano una serie di libri che erano rimasti a prendere polvere accanto al letto. Tra tutti i racconti di alice munro. Ecco dopo averla letta mi rendo conto che ci vuole un coraggio speciale a riprendere a scrivere. Mi riferisci sempre e solo a me, ovvio. 😉
    Felice di vederti di nuovo.
    La cosa più bella è che hai vicino chi ti ama.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Ci vuole pazienza. Un po’ di wu wei contro lo tsunami. E un po’ di pensiero positivo che aiuta a restare sul bordo del gorgo senza cascarci dentro. Hai tutti gli strumenti che ti servono, Eli, credimi. Ma uno di questi giorni ci aggiungiamo un’amatriciana. O un carciofo alla giudìa. Che sempre aiuta.😉

      Mi piace

      Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Ma pensa che mi rendo conto solo ora di non averti risposto! E solo perché ho linkato questo post in un reply… Mi perdoni, Stefania? Anche perché la tua è una riflessione che sposo completamente, oltre che condividere… meglio dare sfogo alla creatività scrivendo, decisamente. E scusami per il ritardo.

      Liked by 1 persona

      Rispondi

Metti una goccia nel serbatoio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...