Incanto

Tanti anni fa mi capitò di andare in vacanza con degli amici in barca a vela. Era una barca di dieci metri, eravamo in quattro, e una delle cose che ho imparato da quella esperienza è che anche amicizie solidissime possono essere messe seriamente alla prova da una vacanza dove le libertà personali sono praticamente inesistenti. E che in quelle situazioni escono gli aspetti più brutti di ciascuno. Ma prima di realizzare tutto questo, alla fine della vacanza, e prima ancora che la vacanza iniziasse, ricordo una sera nella quale stavamo facendo i programmi. Il piano era di partire da Porto Ercole, fare tappa all’isola del Giglio, poi Elba, e poi la Corsica. Chiesi quanto durasse ciascun tratto, e scoprii che la traversata Elba-Corsica sarebbe durata tra le otto e le dieci ore. Non dissi nulla, ma in cuor mio pensai che sarebbe stata durissima passare dieci ore in mezzo al nulla, con solo mare attorno. E quindi mi premurai di mettere nel bagaglio un paio di libri in più, uno per l’andata e uno per il ritorno.
Ebbene, il giorno fatidico arrivai alla sera senza accorgermene, senza aver letto neanche una pagina, Foto 29-06-14 17 36 34avendo passato la maggior parte del tempo sul castello di prua, con lo sguardo perso nel vuoto. Con lo sguardo rapito dal mare, in realtà. Vivevo al mare, in quel periodo, e già ho avuto modo di raccontare di quelle mattine in cui mi incantavo a guardare le onde schiaffeggiate dal maestrale, nella prima giornata di buon tempo dopo una burrasca. Ecco, quella traversata mi convinse definitivamente che il mare per me significa tanto. E ieri ne ho avuto l’ennesima dimostrazione. Sono stato per l’intera giornata in un posto meraviglioso chiamato Torre Uluzzo, in Salento, in una struttura piccola, sdraiato su un lettino da cui si vedeva quanto riportato nella foto. Leggendo davvero poco. E preso dall’incanto.

12 pensieri su “Incanto

    1. Wish aka Max Autore articolo

      Che fortuna! Di tutti i venti, il maestrale è quello che mi piace di più. Intanto perché porta il bel tempo. Ma anche perché è secco, e porta via l’umidità. E’ carico di energia, di buonumore. E il mare sembra gradirlo, assumendo dei colori che fanno sembrare anche il mediterraneo un oceano.
      Amo talmente il mare, che nei miei racconti spesso parlo di donne che hanno gli occhi color dell’oceano. Occhi intensi in cui ci si perde come in mare.
      Penso che non potrei vivere lontano dal mare. O meglio tutto si fa, ma pagherei un prezzo alto davvero.

      Mi piace

      Rispondi
  1. vetrocolato

    Io nell’acqua ci starei delle ore, fino a quando, come da bambina, i polpastrelli non si raggrinziscono tutti, fino a quando non è proprio l’ora che si deve tornare a casa e bisogna per forza uscire dall’acqua.
    È proprio una cosa che mi rilassa molto.
    Come le immagini del tuo post.

    Mi piace

    Rispondi
  2. Topper

    Io sono cresciuto sul mare e non potrei rinunciarvi, anche se non è più come una volta, quando l’estate sembrava infinita e passavo in spiaggia quasi tutta la giornata. Proprio per questo forse ora riesco persino ad apprezzarne di più la magia.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Traversate a motore, presumo, in nave… dovresti fare un’esperienza di una traversata a vela, con l’unico rumore costituito dalle onde che si infrangono contro lo scafo. Quel rumorosissimo silenzio non so se ti farebbe dormire… e comunque vale la pena di provare, credimi!🙂

      Mi piace

      Rispondi
  3. Laura

    Troppo bello Max, adoro il mare, viaggiare in nave, in traghetto e la barca, e’ un esperienza bellissima, pensa che i miei genitori sono Salernitani, mia mamma era di Vietri sul mare, quando andavo in vacanza con loro non volevo piu’ ritornare a casa in Piemonte, ora amo anche questi posti, molto belli, ma non vedo l’ora di andare a godermi il mare! Ti faccio un abbraccio, buona domenica, Laura.

    Mi piace

    Rispondi
    1. Wish aka Max Autore articolo

      Un abbraccio a te, e grazie per essere passata e aver commentato! Ho un ricordo bello di Vietri, andavo tutti gli anni a Positano con i miei quando ero ragazzino, e la prima volta che andammo a Vietri rimasi incantato dalle ceramiche. Adoro tutta la costiera amalfitana, anche se molte cose sono cambiate rispetto ai miei ricordi di più di 30 anni fa…🙂

      Mi piace

      Rispondi

Metti una goccia nel serbatoio

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...